‘U caruseddhu

salvadanaio
‘A to’ sacchitta era ‘i tisori ‘na minera

‘mmucciati comu ‘nta ‘na cantunera

p’a niputanza ch’i mani miscitavi

‘a cosa giusta circavi e ppoi truavi:

‘na maniata ‘i calia e ‘i nuciddhi

‘na caliciàta pi’ cchjù picciriddhi

‘i carizzi ‘ndi ravi ‘na cufanata

‘i sintinzi ogni tantu ‘na bbrucciata

Ru to’ paisi tanti fattareddhi

“cummari cummari, aviti piseddhi?”

‘Na posta ‘i rosariu, ‘a nuvena a Maronna

e a cu’ vuliva rivintari prestu donna

“cu beddha voli pariri

peni e lacrimi havi a suffriri”

Nu sordu p’a povira ggenti

unu pi’ fari i niputi cuntenti,

A cu’ parrari vuliva sempri cchiù

“un sordu e mi ‘mbrischju” ‘nci ricivi tu

“Botti e panelli fanno i figghji belli”

‘nta to’ sacchitta sulu caramelli.

“Bon capuranno e bon capu ri misi”

c’a to’ bbuci ‘nta ll’anima mi misi

‘Nto caruseddhu ‘ra menti i tisori stivai

p’a niputanza ‘nto scossu ora ‘u ‘rrivutai.


Share This Post

Related Articles

Leave a Reply

You must be Logged in to post comment.

© 2019 rosalbabarcella.net. All rights reserved. Site Admin · Entries RSS · Comments RSS
Powered by WordPress · Designed by Theme Junkie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi