Bbuci calabbrisi

Pensando a Marinella Rodà

Canta i so’ rrarici, l’amuri p’a so’ terra

‘ntorcinȉata sempri ‘nta ‘n’antica verra

ma ‘a so’ bbuci è ri paci ‘nu ssrumentu

sunatu pari ‘ra ‘nu sciatu ‘i ventu

‘U so’ cori è comu ‘u Mungibbeddhu

chi trema rintra com’un figghjoleddhu

ma quando ‘nci pigghja ‘a nustalgia

‘ntrasatta scoppia rialandu fantasia

A llava jetta bbuci, noti a ppurbiri nira

chi cuncima ogni cori ‘nta ‘na sula sira

‘na carizza ‘i mari, ‘na bbruschjata ‘i suli

culuri e sciauru ‘i migghjara ‘i sciuri

Bbuci calabbrisi, non ti stanchi mai

senza mancu pinzari quanta ggioia dai

sulu ‘u to’ cori vulissi sapiri

pirchì, si non canti, ti senti muriri!

microfono


Share This Post

Related Articles

Leave a Reply

You must be Logged in to post comment.

© 2019 rosalbabarcella.net. All rights reserved. Site Admin · Entries RSS · Comments RSS
Powered by WordPress · Designed by Theme Junkie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi